Al centro: Martina Bestagno

Martina Bestagno, 27enne cestista di Bordighera, tesserata per l’Umana Reyer Venezia, ha giocato nella Nazionale italiana femminile di basket nelle due partite valide per le qualificazioni ai Mondiali del 2019.
Il nuovo Ct della nazionale, Marco Crespi (che ha sostituito Andrea Capobianco) l’ha convocata in nazionale e mandata in campo sia l’11 novembre nella partita in Macedonia, sia il 15 novembre l’Italia in casa con la Croazia.
A Skopje in Macedonia le Azzurre hanno superato per 61 a 52 la Macedonia. La miglior realizzatrice è stata Sabrina Cinili con 12 punti, mentre Martina Bestagno ha segnato 2 punti.
Il 15 novembre a San Martino di Lupari (Padova) l’Italia è stata sconfitta dalla Croazia per 83 a 71. In questo la miglior marcatrice è stata Giorgia Sottana con 25 punti. Martina è entrata in campo a partita in corso, ma non ha realizzato punti. In classifica comanda la Svezia con due vittorie, seguita da Italia e Croazia con una vittoria e dalla Macedonia a zero.
Le Azzurre tornano in campo il 10 febbraio per affrontare in trasferta la Svezia, il 14 la partita casalinga con la Macedonia. All’Europeo 2019 accedono le prime degli otto gironi e le sei migliori seconde. Già certe di un posto sono solo Serbia e Lettonia, i due Paesi organizzatori.

Martina Bestagno gioca con la maglia numero 4 nell’Umana Reyer Venezia nella stagione 2017/18. Nata a Sanremo il 14 agosto 1990, centro di 189 cm, nella scorsa stagione ha militato nella Famila Wuber Schio, con cui ha disputato le ultime due stagioni, vincendo in entrambe due Supercoppe Italiana, lo scudetto nel 2016, la Coppa Italia nel 2017 e giocando la finale scudetto con Lucca nel 2017.
“Volevo cambiare aria, lasciare Schio, e non poteva arrivarmi una chiamata migliore dell’Umana. Venezia è sempre cresciuta anno dopo anno nelle ultime stagioni” ha commentato la Bestagno.
Bestagno ha esordito in A1 nella stagione 2006/07 con la maglia di La Spezia e ha giocato nella massima serie anche a Vigarano. In serie A2, ha militato a Bologna, Ragusa e Genova. Ha maturato anche due esperienze all’estero: nel campionato ceco (stagione 2011/12) con Karlovy Vary e in quello belga (2012/13) con Braine. Nel giro delle Nazionali giovanili (Under 16, Under 18 e Under 20), con cui ha disputato sei Campionati Europei, dal 2005, dal 2014 è nell’orbita della Nazionale maggiore (esordio il 17 maggio 2014; 8 punti e 3,8 rimbalzi di media nelle ultime qualificazioni agli Europei). Nel palmares, oltre ai successi con Schio, la Coppa Italia di A2 a Bologna nel 2009/10. Nell’ultima stagione, tra regular season e playoff, ha totalizzato 27 presenze mettendo a segno 6 punti di media (high 18), tirando con il 53,6% da 2 e catturando 3,7 rimbalzi di media (high 11). Ha inoltre disputato 13 incontri in Eurolega.