Un innesco elettrico ha provocato l’incendio che ha distrutto la Recup-Fer in Valle Armea. Ci sarebbe stato il danneggiamento di una “canaletta” che mediante fili elettrici portava l’energia all’impianto di illuminazione interna. L’attivazione dell’energia elettrica era legata ad un sensore crepuscolare che attivava in automatico l’impianto notturno. L’azienda ha trasferito la sua attività in un’area vicina a quella distrutta dal fuoco, come scrive Giulio Gavino su “La Stampa”.