Con un netto 3-0 la Sanremese supera la Rignanese e balza in vetta alla classifica a parimerito con Lavagnese e Ponsacco che oggi nello scontro diretto hanno pareggiato 0-0.
Nella prima frazione di gioco i matuziani partono subito forte e si rendono pericolosi al 3’ con Lauria che, servito alla perfezione da Cacciatore, spara sul portiere. Passano solo due minuti ed è Falomi ad impegnare l’estremo difensore avversario. Il numero 25 biancoazzurro è solo in area e, servito da Scalzi, conclude a rete. Burzagli si supera e devia in angolo.
È l’antipasto al gol della Sanremese che si porta in vantaggio al 10’ grazie a Lauria che calcia di sinistro al volo su assist servito da Anzaghi.
Al 13’ ancora Sanremese protagonista, combinazione al limite dell’area e Taddei calcia forte a lato.
La Rignanese si rende pericolosa per la prima volta al 23’ con un tiro del numero 2 Meucci bloccato abilmente da Gavellotti.
Dopo 5 minuti è Scalzi ad impensierire la difesa avversaria con un’azione personale. Il numero 27 matuziano si accentra e prova la conclusione di sinistro, palla alta.
La prima frazione scorre via senza particolari ulteriori emozioni e l’arbitro manda tutti negli spogliatoi dopo aver concesso un minuto di recupero.

Nel secondo tempo la Sanremese si rende subito pericolosa. Nemmeno un giro di orologio e Lauria, servito in area da Gagliardi, prova la conclusione, para Burzagli.
Al 3’ ci prova dalla distanza Anzaghi, la sfera finisce fuori alla destra del portiere.
Al quarto d’ora ancora protagonista il numero 1 ospite. Su calcio di punizione battuto da Costantini, Cacciatore serve in area Lo Bosco che prova la conclusione di testa, Burzagli si supera e devia in angolo.
Al 27’ Lo Bosco si libera in area e calcia, abile il portiere a salvare sulla sua destra. Sul calcio d’angolo seguente la Sanremese raddoppia. Batte Scalzi e Lo Bosco svetta di testa mettendo la palla sotto l’incrocio dei pali. È il 2-0.
Passano solo 3 minuti e la Sanremese chiude i giochi con Lauria che di testa realizza su assist di Scalzi.
Al 35’ ancora un’occasione per Lo Bosco che, lanciato da solo verso la porta, spara alto. Sfortunato l’attaccante matuziano che si vede la palla rimbalzare male sul piede per via di una zolla.
L’ultima emozione del match è per il ritorno in campo di Caboni, fermo per un infortunio dall’inizio della scorsa stagione. L’attaccante numero 30 entra in campo al 36’ e, tra l’ovazione del pubblico, si rende protagonista dopo 5 minuti con un tiro calciato di poco a lato.
La Sanremese conduce poi il match con tranquillità fino al triplice fischio dell’arbitro arrivato dopo 5 minuti di recupero.

“Abbiamo avuto subito alcune palle importanti ma il loro portiere è stato bravo, ma penso che la squadra abbia fatto un grande primo tempo – ha commentato al termine della gara mister Calabria – la partita era solo da sbloccare ed era una gara importantissima da vincere”.

Grande emozione per Caboni, premiato migliore in campo “TP Convivio” per omaggiare il suo ritorno al calcio giocato: “Non è stato facile dopo un anno di sosta forzata, mi tremano le gambe per l’emozione e anche per l’accoglienza che mi hanno riservato tutti i tifosi di Sanremo, mi hanno fatto capire che mi sono vicini”.

LE FORMAZIONI
Sanremese: 1 Gavellotti, 5 Cacciatore, 23 Negro, 13 Anzaghi, 29 Longo, 16 Taddei, 21 Costantini (7 Colantonio), 11 Gagliardi (4 Bregliano), 27 Scalzi (24 Tobaldo), 10 Lauria (30 Caboni), 25 Falomi (9 Lo Bosco)
A disposizione: 12 Radaelli, 2 Barka, 3 Bertora, 15 Martelli
Allenatore: Giancarlo Calabria

Rignanese: 1 Burzagli, 2 Meucci (14 Castiglione), 3 Matteo, 4 Meacci, 5 Brenna (15 Gori), 6 Falciani (20 Romanelli), 7 Leo, 8 Degl’Innocenti, 9 Pagnotta, 10 Privitera M. (18 Privitera L.), 11 Merola (16 Montaguto)
A disposizione: 12 Ferrari, 13 Bennati, 17 Piazza, 19 Renieri, 20 Romanelli
Allenatore: Fabio Guarducci

Arbitro: Sig. Francesco Croce
Assistenti: 1° Sig. Andrea Gatti; 2° Sig. Leandro Castioni
Marcatori: Lauria 2 (S), Lo Bosco
Ammoniti: Gagliardi (S), Costantini (S), Longo (S), Brenna (R), Degl’Innocenti (R), Privitera M. (R), Privitera L. (R)
Recupero: 1’; 5’
Note: 300 spettatori