Stamani i Carabinieri della Compagnia di Albenga, in collaborazione con i colleghi del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Savona, e della Stazione Carabinieri Forestale di Albenga, nell’ambito di un servizio coordinato nello specifico settore agricolo, agroalimentare e forestale pianificato dal Comando Provinciale di Savona, mirato anche al contrasto del fenomeno del “caporalato”, hanno proceduto al controllo di 3 aziende agricole nella piana ingauna e tutte operanti nel settore della floricoltura.
Durante le verifiche sono stati identificati alcuni lavoratori extracomunitari la cui posizione lavorativa è al vaglio degli inquirenti. Il titolare di un’azienda albenganese è stato denunciato alla Procura di Savona per aver impiegato un cittadino straniero sprovvisto di permesso di soggiorno e senza regolare contratto di assunzione.
Un attento monitoraggio dunque quello dei Carabinieri ingauni e dei reparti specializzati giunti in supporto nel cui ambito sono state contestate anche violazioni amministrative per complessivi 5000 euro in materia di “tutela della salute e la sicurezza dei lavoratori, nonché di contrastare il fenomeno del lavoro sommerso e irregolare”.
Tutte le attività si sono svolte sotto il costante controllo dell’elicottero del 15° NEC di Albenga, che è anche intervenuto nella fase di pianificazione operativa e di studio degli obiettivi, con preliminari sorvoli dall’alto delle aziende nei giorni precedenti l’accesso, al fine di fornire la più ampia cornice informativa ai Reparti interessati al controllo sul terreno.
L’efficacia di queste attività ispettive -fanno sapere da una nota della Compagnia ingauna- è il risultato di una sinergica e costante attività di scambio info-operativo tra i reparti territoriali dell’Arma le varie specialità prima di giungere alle operazioni di controllo sul campo.