All’arresto per evasione operato ieri ad Albenga da una pattuglia della Radiomobile ingauna, si aggiungono altri provvedimenti restrittivi. Venerdì sera, nell’ambito di alcuni controlli volti a contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti e più in generale il crimine diffuso, i Carabinieri della Compagnia ingauna, hanno effettuato alcune perquisizioni a cittadini sospettati di essere dediti ad attività illecite connesse allo spaccio di stupefacenti nelle vicinanze di parchi e giardini pubblici nei comuni di Albenga e Loano.
In particolare, in un giardino pubblico di Loano, i Carabinieri in borghese monitorando “a distanza” un cittadino marocchino di 41 anni, pregiudicato, hanno documentato un’attività di spaccio, sequestrando 4 grammi di cocaina, 1000 euro ed un bilancino di precisione e arrestando lo spacciatore. L’acquirente un finalese di 37 anni di sostanza è stato segnalato alla Prefettura. Il pusher nordafricano, rinchiuso nel carcere di Imperia, rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Nel corso dello stesso servizio sono state identificate e controllate numerose persone e giovani dediti al bivacco nei parchi. Nella stessa giornata è finito in manette ad Albenga, un piemontese residente nella Città delle Torri, pregiudicato di 58 anni, perché sebbene fosse affidato in prova ai servizi sociali, continuava a violare le prescrizioni imposte dall’Autorità Giudiziaria e pertanto i Carabinieri della Stazione di Albenga, su disposizione del competente Tribunale di Sorveglianza, lo hanno arrestato e condotto nel carcere di Imperia dove dovrà scontare il resto della pena di due anni e quattro mesi.
Ieri, un altro arresto ad Albenga, da parte dei Carabinieri della Stazione di Ceriale, chiamata ad intervenire al supermercato “Basko” di Albenga. A finire in manette è stato un pregiudicato marocchino di 32 anni, reo di aver asportato superalcolici dagli scaffali ingaggiando una violenta colluttazione con l’addetto alla sicurezza della “Basko”, che è riuscito a trattenere il malvivente fino all’arrivo dei militari giunti poco dopo. Il nordafricano dovrà rispondere stamattina di tentata rapina.