Questa mattina, su input del Questore di Imperia è scattato un capillare servizio di polizia finalizzato al contrasto dell’abusivismo commerciale in concomitanza con il mercato settimanale di Ventimiglia.
“I venditori irregolari o totalmente abusivi – dichiara il Questore Cesare Capocasa – alimentano la filiera della contraffazione e della criminalità comune e/o organizzata e fanno concorrenza sleale alle imprese, danneggiando l’immagine del settore e ponendo, con sempre maggior forza, il tema della sicurezza degli operatori del mercato. Le regole devono essere uguali per tutti e vanno fatte rispettare attraverso controlli dedicati, continuativi, preventivi e repressivi, altrimenti si alimenta la percezione quotidiana del senso di ingiustizia, di insicurezza e di assenza dello Stato”.
Su questa la linea di azione agenti della Polizia di Stato, militari dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza e operatori della Polizia Locale di Ventimiglia, coordinati dal Dirigente il Commissariato di Ventimiglia, fin dalle prime luci dell’alba di questa mattina, hanno effettuato un massiccio servizio di controllo e contrasto del fenomeno dell’abusivismo commerciale e dell’immigrazione clandestina.
Notevole lo sforzo organizzativo e il dispiegamento di uomini (40 tra poliziotti, carabinieri, finanzieri e agenti delle Polizie Locali di Bordighera e Ventimiglia) e mezzi.
I controlli hanno riguardato tutta l’area intemelia, le zone di Bordighera e Sanremo e la stazione ferroviaria di Taggia con l’intento dichiarato di impedire ai venditori ambulanti illegali di giungere sul mercato cittadino.