Diecimila euro a testa per i danni di immagine patiti dal Comune di Taggia. La Corte dei Conti ha contestato ai tre dipendenti comunali assenteisti coinvolti nell’inchiesta della Finanza del 2013: Giuseppe Vigilante, ex responsabile del cimitero, Paolo Iezzoni, ex capo servizio del settore Ambiente, e Rino Dante, ex responsabile del servizio Acquedotto, tutti licenziati dal Comune. Fabrizio Antonini era stato sospeso per 3 mesi. A lui la Corte dei Conti chiede 3.500 euro, come scrive Paolo Isaia sul “Secolo XIX”.