Giovedì 5 ottobre alle 21, sala riunioni della C.R.I. di Bordighera
FRATELLI E SORELLE: UN ODIOSO AMORE.
PERCHE’ SE I GENITORI SONO GLI STESSI FIGLI SONO COSI’ DIVERSI?

Con questo tema, estremamente interessante ed affascinante, ripartono le serate dedicate all’ “autostima” che, come è noto, vengono tenute dalle psicologhe volontarie dello sportello di ascolto “NOI4YOU” presso la C.R.I. di Bordighera.
Come spiega la dottoressa Patrizia Sciolla, psicologa-psicoterapeuta del gruppo:
“Affronterò proprio le dinamiche che si creano all’interno della famiglia rispetto all’ordine in cui nasciamo e andremo a vedere quanto questo ordine e di conseguenza la diversa attenzione, le differenti cure, i meccanismi della coppia genitoriale quanto il tutto crei poi dei figli così diversi. Faremo tutte le possibilità senza trascurare figli unici e gemelli. Conoscere questi importanti meccanismi può aiutare a migliorare il rapporto con noi stessi e con gli altri L’influenza predominante nello sviluppo di un individuo è la personalità della famiglia. i bambini sviluppano il loro comportamento sociale in relazione ai genitori e ai fratelli. L’ordine di nascita non determina i valori fondamentali di una persona o il suo valore nella società, esso influisce sulle interazioni sociali più che sul comportamento e sulle posizioni etiche. Ciascuno di noi ha bisogno di sviluppare un’identità distintiva o un proprio senso del sé. Questo bisogno nasce dal desiderio di essere accettati, di ricevere appoggio e di sentirsi realizzati ed è uno dei fattori principali nella creazione delle differenze tra fratelli”.