DOLCEACQUA INCONTRA GIORGIO SCIANNA CHE PRESENTA IL SUO LIBRO “LA REGOLA DEI PESCI”
Introduce Gipo Anfosso
Sabato 9 settembre ore 18 nella sala conferenze del Castello Doria

Giorgio Scianna racconterà il suo libro che tratta argomenti decisamente attuali.
Il lettore avrà un punto di osservazione privilegiato da cui guardare la vicenda: l’io narrante si chiama Roberto ( uno dei giovani coinvolti nella storia ), che racconta dal principio cosa ha portato quattro ragazzi come tanti a voler affiliarsi ai gruppi islamici in Siria.
La regola dei pesci interesserà chi non vede nella sospensione dell’incredulità il requisito minimo per la buona fattura di un romanzo. In bilico sul crinale tra riproduzione mimetica e allegoria, il lavoro di Scianna svela fin dalle prime battute l’accuratezza nella ricostruzione scrupolosa dell’universo adolescenziale; al contempo, ma è una scelta obbligata e propedeutica alla riuscita della storia, tralascia dichiaratamente alcuni criteri di verosimiglianza: la fuga di quattro ragazzi così giovani, la questione dei documenti, la relativa facilità con cui questi sprovveduti riescono ad ottenere il contatto con i fondamentalisti e, soprattutto, il raggiungimento del confine siriano.
Affascinati dai video di propaganda online e dalla promessa di una comunità inedita, priva di competitività o ansie sociali, i ragazzi di Scianna sono i figli sani di un occidente alla deriva, post-ideologico e arido di sguardi rivolti al futuro. Per quanto degenere e non privo di svolte drammatiche, La regola dei pesci va interpretato come il sintomo di un malessere reale in un mondo dove ogni sensibilità è compromessa.
L’iniziativa è a cura della Biblioteca di Dolceacqua per conto del Centro Culturale e Ricreativo in collaborazione con il Comune.