Triangolare Sanremese, Argentina, Ventimiglia

Prima partita: Argentina-Ventimiglia 4-3 dcr
Seconda partita: Sanremese-Ventimiglia 1-0 (Cacciatore)
Terza partita: Sanremese-Argentina 0-1 (Fici)

Sanremese: Consol, Barka, Anzaghi, Castaldo, Cacciatore, Taddei, Scalzi, Costantini, Lo Bosco, Lauria, Gagliardi, Reinaudo, Bregliano, Negro, Colantonio, Martelli, Monteleone, Bertora, Carletti, Scappatura. Allenatore: Giancarlo Calabria

Argentina: Pronesti, Fici, Esposito, Moro, Mannella, Fiuzzi, Ginatta, Aretuso, Castagna, Salvador, Vitiello, Pirisi, Eugeni, Piantoni, Luci, Alberti, Tahiri, Berni, Gambacorta, Berzolla. All: Eupremio Carruezzo

Ventimiglia: Scognamiglio, Mamone, Serra, Ala, Alberti, Allegro, Rea Alfonso, Principato, Felici, Allaria, Trotti, Bevilacqua, Ierace, Musumarra, Olivieri, Gasciarino, Currò, Rea Danilo. All: Andrea Caverzan

Davanti a 200 spettatori Argentina, Sanremese e Ventimiglia si sono affrontate in un triangolare vinto dalla formazione allenata da Eupremio Carruezzo. Nella prima sfida, tra Argentina e Ventimiglia, sono serviti i calci di rigore per decretare la vincitrice e la perdente ha sfidato la Sanremese. La partita tra Sanremese e Ventimiglia, sconfitta ai rigori, viene subito sbloccata con un gol sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Scalzi. Castaldo svetta più in alto di tutti e colpisce, il pallone carambola sul corpo di Cacciatore e beffa Scognamiglio terminando in porta. Le occasioni nei restanti minuti sono esclusivamente di marca biancoazzurra con Lo Bosco ad avere i palloni migliori, ma un po’ di sfortuna e la bravura di Scognamiglio non permettono all’ex Asti e Argentina di siglare il 2-0. Nella terza ed ultima partita si affrontano Sanremese e Argentina. La prima occasione del match porta la firma di Vitiello che da posizione defilata colpisce in pieno il palo. Passano pochi minuti e Scalzi risponde subito. Il numero 7 matuziano si accentra dalla sinistra e di destro conclude in porta, ma anche la sua conclusione viene respinta dal palo. La Sanremese continua a premere e conquista un invitante calcio di punizione. Della battuta se ne incarica Costantini che sfortunatamente colpisce in pieno la traversa. La partita viene però decisa da Fici portando in trionfo l’Argentina. Il cross del terzino armese assume una traiettoria che beffa il portiere matuziano e finisce in rete.