“Salgari nella Giungla degli Hanbury”: è questo il titolo della mostra allestita da FLORISEUM Sanremo, centro di valorizzazione e promozione della cultura florovivaistica e del paesaggio della Riviera di Ponente, nella palazzina Prediali di Villa Ormond dal 5 al 31 agosto.

L’esposizione, curata da Mauro Mariotti e Elena Zappa dell’Università di Genova che gestisce i giardini botanici Hanbury di Ventimiglia, già predisposta in occasione del 150° anniversario della nascita dello scrittore Emilio Salgari, è composta da 29 pannelli fotografici raffiguranti le piante del “Corsaro Nero” che si trovano nei giardini della Riviera.

“Abbiamo deciso di proporre questa mostra a Villa Ormond – racconta l’Assessore con delega al Verde Pubblico Barbara Biale – perché rappresenta uno scenario davvero perfetto grazie alle piante tropicali e subtropicali. Da non dimenticare che l’esposizione dedicata a Salgari può essere completata con quella presente al Museo del Fiore nonché con un itinerario culturale all’aperto, nella stessa Villa Ormond, tra monumentali esemplari di ficus, banani e altissime palme che richiamano gli ambienti in cui si svolgono le vicende dei romanzi salgariani”.

Le opere di Emilio Salgari sono splendidi viaggi immaginari, non vissuti personalmente ma fondati su una conoscenza acquisita con assidua, precisa e dettagliata ricerca documentale.

Sono mirabili rappresentazioni della storia naturale di paesi lontani che consentono al lettore di penetrare nella misteriosa giungla tropicale.

Ma rappresentano anche una vera e propria sintesi botanica dove ogni nome di pianta ha un riscontro reale e tangibile nei paesi delle Antille, del Borneo, del Venezuela e attraverso la visita di un giardino botanico come quello degli Hanbury o della ricca e recentemente accresciuta collezione di Villa Ormond.

Il Corsaro Nero, tra i romanzi avventurosi di Salgari, mostra un legame con l’estremo ponente della Riviera. Il protagonista, Emilio di Roccabruna, signore di Ventimiglia, s’ispira forse a Capitan Romero le cui navi percorrevano le rotte corsare del Mediterraneo.

Al romanzo, ai suoi paesaggi e, soprattutto, alle innumerevoli specie vegetali che li popolano, è ispirata la mostra come un semplice invito a guardare con occhi diversi i giardini della Riviera dove ponti immaginari e reali fra letteratura e scienza sono davvero possibili.

La mostra “Salgari nella Giungla degli Hanbury” è visitabile a ingresso libero dal martedì alla domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 18.30.

Info al numero di telefono: 0184/503188.