Alberto Muraglia, ex vigile urbano al Mercato Annonario a Sanremo, ripreso da una telecamere mentre timbrava il cartellino in mutande, ora che non lavora più come vigile, ha un laboratorio in cui ripara ferri da stiro, pentole, asciugacapelli, forni elettrici, rubinetti e motorini, sistema tapparelle ed aggiusta serrature.
“Otto di noi indagati su 33 hanno tentato il suicidio. Io son contento di aver preso il Lexotan non più di 6-7 volte. Quelle foto mi hanno messo alla berlina, non lo merito. Tre mesi ai domiciliari sono una cosa da impazzire e infatti impazzivo. Ho lavorato per 33 anni come vigile e ho fatto meno di 100 giorni di mutua” ha raccontato Muraglia a “La Repubblica”.