Il Tar della Liguria ha accolto il ricorso di 6 “no borders” allontanati dai Comuni liguri nella zona frontaliera per manifestazioni nell’estate 2016.
“Non può essere considerato pericoloso socialmente chi dichiara, durante un controllo di polizia, di essere intento a partecipare a una manifestazione di migranti per sostenere gli stranieri respinti dalla Francia a Ventimiglia” si legge nella sentenza. Il Tar ha annullato 6 fogli di via disposti dalla Questura di Imperia per “pericolosità sociale” nei confronti di attivisti pro migranti al confine tra Francia e Italia. Il Ministero dell’Interno è stato condannato a pagare le spese di giudizio.