A seguito di comunicazione di Gianni Belgrano presidente dell’associazione “A Vastera” ho appreso che si svolgono oggi a Briga Marittima (ora La Brigue) i funerali della professoressa Liliane Pastorelli di cui conservo ancora l’ammirato ricordo per aver appreso, nei suoi numerosi contatti per ricerche archivistiche, convegni e incontri preparatorii, in sede di Movimento Federalista, il tormento di una giovane dapprima italiana, divenuta poi insegnante universitaria francese a Nizza, tutta protesa nel tentativo di poter conciliare, nelle Terre Brigasche (e non solo) gli animi degli sconfitti con quelli dei “vincitori” che hanno modificato i confini della Valle del Roia.
Volentieri offro pertanto, come omaggio postumo a questa bella figura di donna, l’immagine, a fianco del direttivo del Circolo Ligustico Arte e Ambiente, del convegno 1990 dell’ A.E.D.E. (Associazione Europea degli Educatori) al Casino di Sanremo in cui la stessa aveva esposto con vigore le sue tesi europeiste.
Col passare degli anni aveva poi concentrato le sue attività sulla valorizzazione delle Terre Brigasche, pubblicando anche un importante volume: “La Brigue au coeur” di cui conservo una copia con una sua spontanea affettuosa dedica dato che aveva allora anch’ella compreso il mio analogo “sentire”.
ENRICO BERIO