“Incapace di intendere e di volere con una spiccata pericolosità sociale”. Questo l’esito perizia psichiatrica disposta su Rikard Nika, 30enne di origini albanesi, da circa 20 anni residente a Bordighera, che il 24 febbraio accoltellò e ucciso un collega, un cuoco siciliano, Alfio Fallica, al ristorante “Pulcinella” a Montecarlo. I test hanno portato alla luce il suo squilibrio mentale. Come scrive Giulio Gavino su “La Stampa” nessun processo, ma ricovero in una struttura psichiatrica per un periodo che sarà stabilito dal giudice.