Mara Lorenzi (Bordighera in Comune)
Luca De Vincenzi (Bordighera in Comune)

Due giorni fa il Sindaco di Bordighera e l’Assessore alla Scuola Margherita Mariella hanno reso nota l’ultima peripezia concettuale e amministrativa nella pianificazione per le scuole di Bordighera – una nuova scuola materna a sostituire in questo uso Villa Felomena; da costruirsi nell’area dell’illegittimo parcheggio di Via Napoli, e destinata a raccogliere tutti i bambini delle scuole materne a Bordighera.
Nell’ottica di adoperarsi per la sicurezza delle Scuole, questa proposta e’ condivisibile. Probabilmente migliorabile, perche’ prima di decidere di accentrare tutti i servizi di scuola materna in una sola zona della citta’, sarebbe saggio tenere in considerazione le necessita’ della popolazione distribuita nelle varie zone del territorio.
Ma il tallone d’Achille e’ l’approccio velleitario. Questa decisione non e’ che l’ultima manifestazione di un processo decisionale che e’ da tempo rocambolesco, e inficia seriamente la credibilita’ operativa della Giunta Pallanca. Fin dal 2013, tutto cio’ che riguarda la Scuola (e molto altro) e’ oggetto di annuncismi senza corrispettivi pratici, ordini e contrordini, delibere di Consiglio Comunale svuotate da Delibere di Giunta, e ora da un superamento della Variazione di Bilancio appena approvata dal Consiglio Comunale. Con quali risultati? Quest’ultima peripezia fa si che quest’anno non sara’ migliorata la sicurezza di Villa Felomena come anticipato e desiderato da genitori e docenti. E la mancanza cronica di progettazione fa si che la costruzione di una nuova scuola sia affidata a fondi non certi e non disponibili derivanti da un’operazione immobiliare!
Quando il Sindaco e l’Assessore Mariella dichiarano alla stampa che la nuova decisione per la Scuola Materna era “nelle nostre corde da tempo”, si fanno del male da soli. Perche’ quelle parole ci dicono che o gli amministratori non sono efficienti nel loro lavoro, o non sono veritieri nelle loro affermazioni. Se davvero pensavano da tempo a questa soluzione, perche’ non completare per le dovute scadenze la progettazione esecutiva per una nuova scuola materna che li avrebbe inseriti nella corsia preferenziale della legge 232/2016? Legge che per il 2017 concedeva ampi spazi finanziari per l’edilizia scolastica, per Ia quale questa amministrazione non e’ stata in grado di chiedere che 140,000 Euro perche’ non aveva progetti pronti (mentre ha chiesto 4.5 milioni di Euro per altri interventi che non avevano bisogno di progetti pronti).
Se invece quest’ultima decisione e’ in realta’ un ribaltamento improvviso delle precedenti decisioni, allora e’ lecito chiedersi quali eventi sono intervenuti a giustificarlo. Non vogliamo presumere, ma e’ una realta’ che Bordighera in Comune ha protocollato un mese fa una Mozione per chiedere la progettazione di una nuova scuola elementare e media in Via Pelloux, di cui si e’ parlato sui giornali il 13 Maggio 2017. Forse l’amministrazione ha voluto mettersi sul meritevole binario delle scuole nuove, ma senza voler accettare, o interagire con, la richiesta di Bordighera in Comune? Oppure altre cose sono successe? Nascono ipotesi quando si legge che parte della copertura finanziaria per la nuova scuola derivera’ dagli oneri di urbanizzazione di un intervento edilizio.
Interverremo su questo in Consiglio Comunale. Dotare Bordighera di edifici scolastici sicuri è priorità, ma la pianificazione deve essere sistematica. Il debito che questi amministratori hanno verso la città nel merito di pianificazione e programmazione sta diventando gigantesco.
Mara Lorenzi e Luca De Vincenzi, Consiglieri per Bordighera in Comune