Nel cuore restano quei primi minuti dalla palla a due con il parziale di 7-0 dei nostri ragazzi con una tripla ed un canestro dalla media distanza di Bruno ed un canestro da sotto di capitan Iamundo. Situazione più volte vissuta durante la stagione sportiva, ma non con la corazzata Canaletto che in gara 1 ci aveva surclassato su tutti i fronti. Gli spezzini, superato lo smarrimento iniziale, ricordano a tutti il loro potenziale e in breve agganciano e superano i padroni di casa portandosi sul 20-9 alla prima sirena. È importane in questo frangente, evitare le sfuriate offensive avversarie, Canaletto sorprende sempre per la capacità di assestare parziali incolmabili in brevissimo tempo. I padroni di casa ci riescono, pareggiando sostanzialmente il quarto con un 14-15 ed il conseguente 23 a 35 con un ritardo di 12 punti che rende comunque elettrizzante una finale, come dovrebbe essere. Usciti dallo spogliatoio, si deve purtroppo fare a meno di Filocamo sul campo, gravato dal quarto fallo e molto positivo fino a quel momento. Con Mattias si deve fare a meno anche di fisico e centimetri che al cospetto della squadra più dotata di tutto il campionato, bene non può fare. La sirena della terza frazione dirà 30-51, il massimo scarto e le speranze dei padroni di casa che vengono minate fortemente. Ma l’orgoglio di questi splendidi ragazzi viene fuori nelle difficoltà e punto dopo punto si riduce il divario fino al – 8 di metà quarto con le accelerazioni di Bettonagli ed una tripla di Iamundo. Il palazzetto esplode in campo c’è una partita vera e vibrante ma la Ranabo esaurisce la benzina dopo aver dato tutto quello che aveva e vede trionfare con merito il Canaletto per 61-48.
“Non ho davvero nulla da biasimare a questi splendidi ragazzi” commenta a fine gara l’allenatore Gabriele Alessio “nello spogliatoio prima della palla a due ho chiesto loro di combattere le loro stesse paure. C’erano sostanzialmente due partite da giocare: una sul piano mentale e l’altra sul piano fisico. Missione ampiamente portata a casa nel primo caso. Il metro arbitrale, peraltro ottimo ed attento per tutta la gara, ha di fatto premiato il Team che attualmente ha vantaggi fisici su tutti i fronti. Non resta che attendere la maturità dei nostri per vedere i divari più ridotti”
Per i ragazzi della Ranabo ora c’è una Semifinale Under 14 contro il Blu Basket Lavagna tutta da giocare e a metà giugno un prestigioso torneo di livello nazionale a Marsiglia su invito dello SMUC, Team professionista della città francese.

Rari Nantes Bordighera 1946 – PGS Canaletto: 48-61 (9-20/23-35/30-51)

Filocamo 13, Iamundo 18, Pallanca, Bettonagli 11, Torrieri, Pellegrino, Gargano, Bruno 5, Mancuso 1, Cosentino, Cirillo, Galluccio. Allenatore: Gabriele Alessio Accompagnatore: Mauro Cosentino