Quali sono gli strumenti educativi e culturali necessari da mantenere per arginare i fenomeni di violenza di genere e di tutte le altre manifestazioni ad essa connesse?
Come è possibile, da genitori e insegnanti, sostenere la crescita e lo sviluppo di una identità dei giovani che tenga conto anche della dimensione virtuale? 
Queste e altre domande saranno oggetto dell’incontro rivolto a genitori, insegnanti e a tutte le figure che a vario titolo si occupano di educazione e di giovani che si terrà venerdì 12 maggio, dalle 17 alle 19, nella Sala Ranuncolo del Palafiori di corso Garibaldi.
L’incontro, organizzato in collaborazione con l’Amministrazione comunale, è aperto alla cittadinanza.
“Il tema della conferenza – racconta l’Assessore alle politiche sociali e servizi alla persona Costanza Pireri – è l’analisi, nella nostra provincia, di fenomeni molto diffusi come quelli tipici del cyberbullismo e delle altre forme di disagio e di violenza connesse. Infatti, si  è concluso proprio nel mese scorso il progetto che ha coinvolto in vario modo le scuole della provincia, promosso e realizzato dal Comune di Sanremo, dal Centro Provinciale Antiviolenza, dall’Associazione di Promozione Sociale Effetto Farfalla e dall’Associazione Culturale Camaleonte”.
Tale progetto ha visto la realizzazione di due iniziative differenti. La prima, attuata dal Centro Provinciale Antiviolenza e realizzata in collaborazione con l’Asl 1 Imperiese e con le Forze dell’Ordine nelle scuole secondarie di primo e di secondo grado dell’intera provincia, è stata centrata sulla prevenzione alla violenza di genere e alla decostruzione di stereotipi che spesso ne sono le causa e il presupposto. 
La seconda, dal titolo “Identità in vetrina. Adolescenti, genitori ed insegnanti al tempo dei social media”, attuato in alcune scuole di Sanremo, ha avuto come obiettivo la realizzazione di laboratori di pensiero critico – filosofia morale ed etica della comunicazione – e di altrettanti laboratori di media education.
La dott.ssa Freducci Anna M. (Ass. Effetto Farfalla) e la dott.ssa Musetti Francesca (Ass. Camaleonte) hanno dunque realizzato incontri con i ragazze/i delle scuole attuando un percorso sia di  prevenzione a fenomeni di cyberbullismo sia di accompagnamento ad un uso consapevole e responsabile dei social ma soprattutto del ruolo assunto nelle dinamiche relazionali e personali.
L’incontro di venerdì pomeriggio è a ingresso libero.