Si conclude una esperienza di quattro giorni unica e ricca di esperienza per il Team Under 13 della Ranabo 1946 che ha preso parte al Memorial Claudio Papini di Rimini, torneo di livello nazionale. I 14 atleti bordigotti, rinforzati da Marco Canarile dell’Olimpia Taggia, che da inizio anno divide i suoi impegni in allenamento tra le due società, hanno affrontato nella prima giornata il Basket Roma, portando a casa una prestigiosa vittoria per 60 a 58. Nella seconda giornata si registrerà l’unica sconfitta contro gli avversari in campionato del PGS Canaletto. I bordigotti riescono a raggiungere anche le sei lunghezze di vantaggio, ad andare a riposo sul 30-30 e si cede solo sul finale con capitan Iamundo costretto diversi minuti a recuperare dopo un colpo proibito: 57-47 sulla sirena. Ottimo in ogni caso il bilancio delle prime due giornate.
Nella terza giornata due facili vittorie rispettivamente contro Basket Fanun per 39 a 27 ed il CUS Parma 52-41, gare dove vengono applicate abbondanti rotazioni per far giocare tutti gli atleti. Giunti a questo punto, ci viene proposta una finale per un 9/10 posto che lascia tutti perplessi, compreso il responsabile del torneo che in modo molto professionale e con la gentilezza che lo ha sempre contraddistinto, ammette un’evidente anomalia che penalizza non poco un Team che su cinque gare ne perderà una soltanto.
Inspiegabile come Roma si debba trovare a giocare una finale 5/6 posto, nonostante la sconfitta maturata al primo giorno, come resta inspiegabile la presenza nel girone 5/8 posto di due Team con due sconfitte nei primi tre giorni e… ciliegina sulla torta, gli avversari per la nostra Finalina, la Vigor Conegliano Treviso che nei primi due giorni aveva maturato due sconfitte entrambe con 20 punti di scarto ci accoglie con un “Cosa ci fate voi qui?”. Il 55-27 finale, con il quintetto fino ad ora più impiegato in campo, lasciato a fare da spettatore in panchina, la dice molto lunga.
“Non siamo certo dispiaciuti per un piazzamento inferiore – dice l’allenatore Gabriele Alessio – piuttosto l’aver perso l’occasione nel terzo e quarto giorno, di affrontare compagini più competitive, senza nulla togliere merito ad altre. Non smetterò di ringraziare tutto il mio gruppo genitori che non manca mai di dimostrare costante dedizione alla vita di questo Team di ragazzi, al Pres. Gabriele Lubatti per aver creduto in estate in una fusione di forze (Simone e Mattias sono entrambi ex Mini cestisti dello SC Ventimiglia), come del resto il Pres. Diego Parodi del BKI Imperia che già dallo scorso anno ha proposto a Gio ed Alessio di crescere nel contesto Elite. Ciliegina sulla torta, l’inserimento di Marco, grazie al Pres. Nino Ioppolo e di Coach Giovanni Amato dell’Olimpia Taggia. Un grazie al nostro Presidente Stefano Gnutti e al DS Elio Giannachi che da anni investono con impegno e dedizione per la crescita dei ragazzi. La collaborazione porta a questi momenti unici sotto il profilo della crescita del nostro movimento sportivo. Grazie ai ragazzi che si sono comportati nel migliore dei modi, dentro e fuori dal campo!”