In ricordo dell’amico Simone le iniziative degli allievi del Montale di Bordighera, del Polo e Fermi di Ventimiglia.
L’idea è partita da Alex Bosio, Miriam Mercurio e Federico Fiore della quinta A indirizzo marketing del Montale di Bordighera, ricevendo immediata e entusiasta adesione da parte di ragazzi, insegnanti e personale non docente della scuola: in occasione della Pasqua, l’acquisto a fini benefici delle uova di cioccolato, nell’ambito del progetto promosso dalla Fondazione Gaslini “un uovo per amico”, sarà fatto in nome e nel ricordo di Simone Terrana, scomparso lo scorso 8 marzo, a soli vent’anni.
Ne parlano con grande emozione e sempre attonito stupore gli amici di infanzia di Simone: Alex, Miriam e Federico, giustamente orgogliosi del successo ottenuto con la colletta benefica, già iniziata a Pasqua 2016, ma che quest’anno ha raggiunto un importante obiettivo, con la vendita di 87 uova e molte donazioni libere, con un ricavato di 1030 euro e il bollettino postale già inviato alla fondazione Gaslini.
“Trasformare una tragedia e un dolore collettivo in un’azione concreta, utile e benefica, aiuta tutti noi e -speriamo tanto- la famiglia di Simone, a fare passi per andare avanti, a mantenere vivo Simone nel ricordo..” Così commentano i ragazzi promotori del progetto, che oggi, 12 aprile, giorno della consegna delle uova, offriranno il “primo uovo” ai genitori e alla sorella di Simone.
La Fondazione Gaslini ha mandato un messaggio di sentito ringraziamento ai ragazzi del Montale. Anche al Polo e Fermi è partita una colletta tra gli allievi per ricordare Simone, classe promotrice la terza M dell’Istituto Marco Polo.
In questo caso i ragazzi hanno deciso, con il ricavato, di apporre due targhe negli istituti e hanno realizzato un manifesto con una toccante foto di Simone, lo sguardo rivolto al sole e queste parole dedicate all’amico che per sempre vivrà nel ricordo di chi lo ha conosciuto e amato: “lo sguardo verso l’alto e il cuore pieno di tenerezza perché tu che non sei più fisicamente qui con noi, non lasci la mente nemmeno per un giorno”.