A Pieve di Teco un uomo di 35 anni, M. M., aveva ospitato a casa un senzatetto di 67 anni che gli aveva suscitava pietà dopo averlo visto gironzolare per le vie del paese. Il gesto di generosità gli è costato una denuncia perchè, mentre l’anziano gli faceva lavori in casa per sdebitarsi, erano intervenuti gli uomini dell’Ispettorato del lavoro. Nell’ottobre 2014, come scrive Maurizio Vezzaro su “La Stampa” per M.M. è iniziata una trafila giudiziaria, terminata pochi giorni fa in tribunale ad Imperia dove il 35enne è stato scagionato “perchè il fatto non sussiste”.