Sala Melograno piena venerdì 31 marzo per la conferenza “La trappola del Debito e il Dissesto sociale” organizzata da ATTAC, Sanremo Sostenibile, Popoli in Arte e Caritas diocesana. Un tema molto importante per la vita dei cittadini e difficile da comprendere, che ha visto le persone presenti attente e con partecipazione.
“Da diversi anni il Debito – ha detto Marco Bertorello, scrittore e studioso di economia – è stato utilizzato, su scala internazionale, nazionale e locale, come emergenza allo scopo di far accettare come inevitabili le politiche liberiste. Di fatto, il Debito rappresenta lo shock che serve a far diventare politicamente inevitabile ciò che è socialmente inaccettabile”.
“Il Debito lo paga il territorio – ha evidenziato Marco Berbaldi, della Caritas di Savona – in termini di tagli ai servizi essenziali, di lavoro, di povertà, disuguaglianze, privatizzazioni, mancata prevenzione, saccheggio e devastazione del paesaggio”.
E questo mentre lo Stato, in poche ore, decide di destinare 20 miliardi di euro alle banche in difficoltà.
Dal dibattito è emersa la proposta di Bertorello: “Il QE (Quantitative easing) è una modalità che produce denaro attraverso l’emissione di titoli che possono essere acquistati dai cittadini e dalle imprese, banche comprese. Il ‘QE for the people’, potrebbe essere un modello aggiuntivo di welfare europeo e sarebbe un po’ come aggirare i vincoli di Maastricht che non prevedono per la BCE l’emissione di nuova moneta per abbattere le situazioni debitorie; ma non si innalzerebbe l’inflazione e quindi vanificando il potere d’acquisto di tutti.
Alla pagina FaceBook https://www.facebook.com/sanremosostenibile/?fref=ts di Sanremo sostenibile la registrazione della conferenza.