I Carabinieri del Comando Provinciale di Imperia, nell’ambito dei servizi di prevenzione e controllo del territorio, hanno eseguito diversi arresti nei giorni scorsi.
Partendo dal più recente, nella mattinata del 29, i militari della Stazione di Dolcedo e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Imperia hanno individuato, a Dolcedo, G.S., 67enne, su cui pendeva il provvedimento di esecuzione di una condanna a 10 anni dal 2015 per fatti inerenti gli stupefacenti e 7 mesi per evasione. La persona, originaria della provincia, agricoltore e pastore, aveva fatto perdere le proprie tracce alcuni anni or sono, rendendosi irreperibile: risulta infatti che abbia trascorso un lungo periodo in India. I militari della Stazione, in pendenza di provvedimento, avevano comunque tentato di rintracciarlo, raccogliendo anche diverse segnalazioni, poi rivelatesi infondate. E’ stato un giovane Carabiniere della Stazione di Dolcedo che, proprio ieri mattina, ha scorto nel paese questa figura “nuova”: zaino, aspetto trasandato, capelli scomposti. L’individuo ha attirato la sua attenzione, poiché decisamente somigliante alla persona da ricercare. Ha quindi seguito brevemente il soggetto e proceduto all’identificazione: di fronte alla scusa dell’assenza di documenti, è stato richiesto il supporto dei militari di Imperia, con i quali si è proceduto all’esatto riconoscimento e all’esecuzione della misura.
La serie prosegue con l’attività dei Carabinieri di Ventimiglia, che hanno proceduto al trasferimento in carcere di A.G, 27enne.: il provvedimento è stato eseguito in ragione delle violazioni al regime degli arresti domiciliari, ai quali era sottoposto.
Ancora, i Carabinieri di Ventimiglia Alta hanno arrestato in flagranza del reato di evasione C.B., 34enne, di cui non è stata riscontrata la presenza in abitazione nel corso dei controlli che l’Arma esegue alle persone sottoposte agli arresti domiciliari. I militari hanno rintracciato l’individuo un’ora dopo nelle vie del centro abitato.
I militari di Bordighera, infine, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione a carico di S.M., 70enne, emesso dal Tribunale di Savona per appropriazione indebita aggravata. In quest’ultimo caso, in ragione dell’età del destinatario della misura e del reato, la persona è stata sottoposta al regime di detenzione domiciliare.