Polizia di Frontiera, non solo in Frontiera.
E’ stato infatti arrestato il cittadino moldavo D.I. di 27 anni, residente a Ventimiglia a seguito di richiesta intervento alla Sala Operativa del Settore Polizia frontiera, in quanto lo stesso, in evidente stato di ebbrezza, aveva iniziato ad importunare i clienti di un noto bar in passeggiata Cavallotti dove lo stesso aveva lungamente consumato.
All’arrivo della pattuglia del Settore, il giovane, non solo non aveva manifestato nessuna intenzione di fornire i documenti ed uscire dal locale, ma aveva iniziato ad inveire contro il personale di Polizia, proferendo minacce ed opponendo resistenza fino a tentare la fuga spintonando violentemente gli Agenti.
Condotto in Ufficio, veniva tratto in arresto per resistenza,oltraggio e lesioni e condotto davanti alla A.G. per il processo per direttissima.
Altro arresto, ma questa volta prettamente di “frontiera”, quello avvenuto la notte di domenica a carico di Aivaras Syvokas, 31enne lituano, controllato sulla banchina in stazione, mentre attendeva l’arrivo del treno che lo avrebbe condotto a Milano.
Stante la scarsa documentazione in suo possesso l’uomo veniva condotto negli Uffici e sottoposto ad accertamenti e rilievi foto dattiloscopici.
Solo uno scrupoloso e lungo sviluppo degli esiti permetteva di scoprire che a suo carico era stato emesso un mandato di arresto europeo inserito in Banca Dati Schengen nel dicembre del 2016 per traffico di stupefacenti.