Il Vescovo di Ventimiglia-San Remo, Antonio Suetta, in un’intervista al tg di Tv2000, commentando l’episodio di tre francesi denunciati per aver dato cibo ai migranti ha detto: “Chiedo un minimo di tolleranza e un concreto stimolo a rivedere il dettato della norma. La somministrazione di cibo soprattutto se avviene su larga scala ha risvolti igienico-sanitari e comprendo che vada regolamentata. Nella situazione concreta l’ordinanza ha qualcosa di strumentale cioè di volere contenere solidarietà e accoglienza. Con persone in estrema difficoltà mi pare che si debbano prevedere giuste eccezioni alla legge”.