Antonio Carbone, 42enne artigiano edile di Camporosso, è stato condannato a 3 anni e 8 mesi di carcere per il possesso di quasi un etto di cocaina, stupefacente trovato durante un controllo della Polizia nel suo alloggio. I poliziotti erano andati a casa sua per cercare delle armi, ma non le avevano trovate. L’uomo, incensurato, era stato arrestato dagli agenti del Commissariato di Ventimiglia il 9 marzo. Come scrive Paolo Isaia sul “Secolo XIX” nell’alloggio erano stati trovati anche 6 mila euro in contanti, probabile frutto dello spaccio di droga.