Il giudice del lavoro del tribunale di Imperia ha reintegrato, per un vizio di forma relativo al licenziamento, l’ex messo del Comune di Sanremo, Mirko Norberti, coinvolto nell’inchiesta “Stachanov” per l’infedele timbratura del cartellino.
E’ il primo reintegro per quei fatti. La lettera di licenziamento non era stata firmata.
A Norberti, 53 anni, coordinatore dei messi notificatori, era contestata una decina di timbrature compiute da altri e una decina di omesse timbrature.
L’inchiesta sull’assenteismo al Comune di Sanremo divenne famosa per le immagini di un vigile che viveva nel palazzo comunale, che timbrava in mutande e di un altro dipendente che durante l’orario di lavoro andava in canoa.