Il gruppo INCONTRIAMOCI a Sinistra prosegue, anche nel mese di marzo, con gli incontri serali dedicati ai problemi del territorio, offrendo una analisi e delle soluzioni di tipo politico. Nel mese di febbraio il gruppo ha affrontato il tema della sanità ed in particolar modo la privatizzazione dell’Ospedale Saint Charles di Bordighera. Lunedì sera “INCONTRIAMOCI a Sinistra” tratterà con particolare attenzione la tematica del trasporto pubblico, in particolare quello su gomma, gestito dalla Riviera Trasporti e quello su rotaia, di competenza di Trenitalia trasporto regionale Liguria.
L’appuntamento è fissato, quindi, per lunedì 13 marzo alle ore 20,30 sempre presso lo spazio, gentilmente concesso, dall’Unione Culturale Democratica, in Via del Mercato 8 a Bordighera. “Anche questo secondo tema – scrivono Franco Faraldi, Giuseppe Picchianti e Corrado Ramella, tra i promotori di INCONTRIAMOCI a Sinistra – è stato scelto dopo aver avviato una consultazione tra tutti gli aderenti al gruppo. Come la sanità, anche il trasporto pubblico locale è un servizio molto sentito ed utilizzato dai cittadini del ponente ligure: le difficoltà non sono poche, legate in parte alla conformazione del nostro territorio e in parte ai continui tagli dovuti al mancato finanziamento da parte dello Stato centrale agli Enti locali: basti pensare, infatti, come l’entroterra di Ventimiglia sia sprovvisto di corriere nel fine settimana oppure alla nuova situazione della stazione ferroviaria di Imperia, utilizzata quotidianamente da lavoratori e studenti delle superiori e del Polo Universitario di Imperia, costretti, per poter raggiungere le sedi di studio, a ricorrere alla soluzione – treno + pullman – con un incremento di costi pari a un +15% rispetto ad un solo anno fa. Anche la qualità del servizio lascia a desiderare: sporcizia, ritardi, soppressioni e disservizi generali sono all’ordine del giorno”.

L’incontro vuole avere come scopo non sono l’analisi della situazione attuale del TPL, ma anche offrire delle soluzioni alternative che aiutino a mantenere quei livelli essenziali dei servizi pubblici, in accordo a quanto scritto nell’art. 43 Cost., che programma la gestione di questi servizi a carattere di preminente interesse generale.
“Abbiamo invitato diverse associazioni: consumatori, gruppi di lavoro sul tema dei trasporti e comitati di pendolari – concludono Faraldi, Picchianti e Ramella – affinché possano, con i loro interventi, dare un contributo specifico ed analitico su questo tema. Questo incontro, come tutti gli altri, sono aperti al pubblico. Tutti i cittadini interessati al tema sono cordialmente invitati a partecipare e ad intervenire”.