A due settimane dall’omicidio di Alfio Fallica (30enne cuoco italiano) presumibilmente commesso da Ricard Nika, cuoco albanese residente a Bordighera da quasi 20 anni, avvenuto al Ristorante Pulcinella a Montecarlo Monaco, continua il lavoro degli inquirenti nel Principato e in Italia. Nika, in carcere a Genova, continua a non rispondere alle domande e si presenta sempre confuso davanti a chi indaga, dunque non si riesce ancora a capire se sia trattato di follia passeggera o di premeditazione.
“Ci si sta avviando verso un’istruttoria in Italia, ma non si conosce ancora il movente. Continuerà la cooperazione con gli italiani, trasmetteremo ancora i risultati delle nostre indagini” dice il Procuratore Generale di Monaco, Jacques Dorémieux, a “Nice Matin”.