Oggi a Genova si è tenuto un incontro dell’ANCI sul tema dell’accoglienza migranti e l’adesione o meno dei comuni del ponente al sistema SPRAR [Leggi qui per saperne di più: SPRAR.it].
Che cosa è successo? È successo che alcuni comuni non hanno aderito al piano proposto dall’ANCI in base alle quote del 4,73/1000 ovvero 4,73 (non chiedeteci che fine farà quello 0,27) migranti accolti per comune ogni 1000 abitanti basati sulla stima di 200.000 arrivi in Italia all’anno ma se queste quote venissero superate i conti sarebbero tutti da rifare.

Il sindaco di Bordighera ha quindi votato no al piano ANCI proprio perché non vi sono garanzie su numeri certi di arrivi mentre tra il sindaco Ioculano e il sindaco Chiappori pare ci sia stata una discussione: il sindaco di Ventimiglia ribadisce che non si può continuare a farsi cadere addosso il problema migranti senza provare a gestirlo mentre la posizione di Chiappori è nota da tempo, lui migranti a Diano Marina non ne vuole.

Chi non aderisce al progetto SPRAR vorrebbe in pratica che i prefetti aprano i CAS [LEGGI CAS cosa sona]questo sembra infine il succo del discorso.

La ripartizione dei migranti proposta dallo stato in Provincia di Imperia cozza con la situazione di Ventimiglia già qualche tempo fa il Vicepresidente della Regione Liguria Sonia Viale aveva fatto notare che di nuovi arrivi nella città di confine non se ne doveva prevedere [Leggi qui  Sonia Viale no migranti in più in Provincia Imperia]