Nella serata di ieri i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Albenga hanno tratto in arresto su ordine di custodia cautelare emessa dall’ufficio del GIP di Savona, un pregiudicato alassino 48enne, disoccupato, ritenuto responsabile di numerosi episodi di spaccio avvenuti ad Albenga nel corso di questi ultimi mesi.
L’uomo, già arrestato di recente sempre dai Carabinieri del Nucleo Operativo di Albenga a seguito di un’articolata indagine antidroga volta a contrastare lo spaccio ed il consumo di eroina sulla piazza ingauna, dovrà rispondere ad un ben più pesante quadro accusatorio.
Nel pomeriggio odierno, inoltre, è finito in manette, per mano dei Carabinieri della Stazione di Borghetto Santo Spirito, un pregiudicato rumeno 28enne, notificandogli un Ordine di Carcerazione per l’espiazione di una pena di oltre cinque anni di reclusione.
Il soggetto era un componente di un’associazione a delinquere dedita ai furti presso esercizi pubblici meglio nota come “la banda dello spray”. Tutto il sodalizio criminale era stato disarticolato a conclusione dell’Operazione “Darkness 2” ad opera dei Carabinieri del Nucleo Operativo di Albenga. Numerosissimi furti furono attribuiti al gruppo criminale che agiva prevalentemente nella province di Savona e Genova.
Lo straniero, nullafacente, che al momento dell’arresto si trovava presso la sua abitazione a Borghetto S.S., è stato condotto dai militari presso il Carcere di Imperia ove sconterà la sua pena.
Sempre ieri pomeriggio, i militari della Stazione di Pietra Ligure, durante un pattugliamento delle strade di quel comune hanno notato una pregiudicata loanese di 39 anni, aggirarsi con fare sospetto nei pressi della Basilica di San Nicolò. Conoscendo il modus operandi della donna, specializzata nei furti in chiesta, i Carabinieri decidevano di nascondersi per osservare i movimenti della donna. L’intuizione dei militari pietresi trovava conferma quando la donna, guadagnato l’accesso alla basilica iniziava ad armeggiare davanti all’offertorio. La donna intenta a sottrarre le monete tirandole su per mezzo di una rotella metrica alla cui appendice aveva sapientemente applicato del nastro biadesivo, metteva quindi in atto la sua “pesca miracolosa”.
Una volta concretizzatasi l’azione illecita, i militari la dichiaravano in arresto per furto aggravato, facendo subito restituire a Don Umberto, viceparroco della Basilica pietrese, la refurtiva finora raccolta. Il sacerdote, a termine degli accertamenti, rivolgendosi grato ai Carabinieri intervenuti, affermava che nell’ultimo periodo le offerte erano sensibilmente calate.
In tarda serata i Carabinieri della Stazione di Ceriale intervengono a Loano, su segnalazione di “rapina in atto”.
La chiamata giunta dalla titolare del negozio di articoli per la casa all’insegna “Super Imagine” in via Aurelia permette di far giungere la pattuglia più vicina in un pochi minuti.
L’autore del fatto, un pregiudicato cinquantaquattrenne originario del casertano ma residente a Pietra Ligure, aveva poco prima sottratto alcuni articoli per la casa, dagli scaffali sotto l’occhio elettronico della telecamera di videosorveglianza monitorata dalla titolare che già aveva sospettato di un precedente furto, avvenuto qualche giorno prima, il soggetto in questione. All’atto di uscire dal negozio, invece di pagare la merce occultata nelle tasche, spintona la donna facendola cadere a terra. Nella caduta si ferisce lievemente anche ad un dito. Fortunatamente l’immediata richiesta di aiuto e le grida fanno intervenire dei passanti che bloccano il malvivente, fuori dal negozio e per il tempo strettamente necessario al tempestivo arrivo dei Carabinieri che gli mettono le manette e lo dichiarano in arresto.
Il reo, nella circostanza, ammette gli addebiti e confessa anche il precedente furto che aveva fatto insospettire la malcapitata titolare fin dal suo ingresso nel negozio. L’uomo accompagnato nelle camere di sicurezza della Compagnia di Albenga risponderà domani innanzi al Tribunale di Savona con rito direttissimo.
Il bilancio conclusivo della giornata odierna per la Compagnia Carabinieri di Albenga è di 4 arresti.