Ventimiglia- Emerge il nome del cuoco arrestato dalla polizia per prostituzione minorile: si tratta di Luigi Caione 57 anni. L’uomo avrebbe consumato i rapporti con i minori ragazzini migranti di 14/16 anni pagati con pochi euro e bibite, in una cantina dello stabile dove risiedeva in via Cabagni Baccini a Ventimiglia.

Caione, si apprende, aveva nel mirino i giovani migranti che erano ospitati nella vicina sede di un ente in via Dante. Sono stati i volontari dell’ente a segnalare il comportamento sospetto dell’uomo, poi indagini e appostamenti fino all’arresto.