Incontro organizzato con il Comune di Camporosso e lo sportello “Noi 4 You” che si terrà giovedì 2 febbraio alle 21, presso il Centro Polivalente G. Falcone Località Bigauda.
Tv e giornali riportano ormai quasi quotidianamente episodi di bullismo tra ragazzi e studenti di ogni età. Cos’è il bullismo? Come fare a riconoscerlo? E soprattutto, come comportarsi per prevenire e contrastare fenomeni di bullismo a danno dei nostri figli?
Il bullismo interessa soprattutto bambini e ragazzi (sia maschi che femmine) dai 7 ai 18 anni, andando a toccare gli anni delle scuole elementari, medie e superiori. Si caratterizza per provocazioni e violenze verbali e fisiche perpetrate a danno di uno stesso soggetto e per un periodo di tempo più o meno prolungato.
Quando uno scherzo o una presa in giro diventa un accanimento costante e prolungato, tale da condizionare la vita quotidiana di bambini e ragazzi, si parla di bullismo, un fenomeno caratterizzato da dinamiche di violenza fisica e verbale con ripercussioni pesanti. Il bullismo, secondo alcune inchieste, è diffuso in maniera capillare, tanto da coinvolgere, almeno una volta nella vita, addirittura il 41% dei bambini italiani. Spintoni e insulti non avvengono solo all’interno dei corridoi e delle aule scolastiche, al contrario possono riguardare anche altri luoghi pubblici come giardini, parchi, cortili ecc.
Il bullismo va riconosciuto e combattuto. Errato pensare che si tratti solo di una fase della crescita, al contrario rappresenta un grave fenomeno sociale, purtroppo in costante aumento e amplificato dai social network, che in molti casi diventano il luogo preferito per diffamare e offendere.
L’idea dunque dello Sportello di Ascolto “NOI 4 YOU” è quella di fare una cartolina più chiara sugli aspetti psicologici e legali del problema, si parlerà del cyber bullismo, del bullismo maschile e femminile e delle conseguenze legali. Verranno inoltre dati suggerimenti pratici a tutte le figure che ruotano attorno ai ragazzi, ovvero INSEGNANTI e GENITORI , affinché possano destreggiarsi meglio nella quotidianità. Non sarà un convegno ma un incontro in cui tutti potranno intervenire per sviscerare al meglio l’argomento e soprattutto cercare di calarlo il più possibile nella realtà odierna.
INGRESSO GRATUITO