Una diminuzione dei posti barca – da 365 a 267 unità – tale da consentire l’ormeggio alle imbarcazioni fino a 40 metri di lunghezza, la riduzione del perimetro della concessione demaniale che permetterà l’ampliamento delle spiagge libere comunali e la valorizzazione turistico ricettiva dell’area attraverso l’ampliamento della struttura alberghiera esistente. È quanto prevede la variante al progetto definitivo del porto turistico di San Lorenzo al Mare, nell’imperiese, approvata dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Urbanistica, Pianificazione territoriale e Demanio marittimo e Tutela del Paesaggio, Marco Scajola.
“L’aumento delle dimensioni dei natanti – afferma l’assessore Scajola – in un porto importante come quello di San Lorenzo al Mare costituirà senza dubbio un fattore di potenziamento e rilancio dell’offerta turistica del territorio. Ma non solo: un grande contributo alla valorizzazione dell’area sarà dato sia dall’ampliamento degli spazi dedicati alle spiagge comunali, in un’area molto caratteristica della nostra costa, sia dal collegamento del Porto alla zona della vecchia stazione ferroviaria, punto di innesto della pista ciclabile di Area24, che – conclude – costituirà nel prossimo futuro un importante volano di sviluppo”.