Sfuma la possibilità di pareggiare i conti con la squadre che resta solitaria in vetta alla classifica del Campionato più competitivo della Liguria per i nati 2004. Il Team del Canaletto, vera e propria selezione dei migliori atleti della città spezzina, ha fisicità, una panchina decisamente più lunga ma soprattutto una serenità nell’affrontare i match punto a punto che viene a mancare ai bianco blu. Veniamo alla gara: La Ranabo 1946 si presenta alla palla a due con un organico più completo rispetto al girone di andata. Resta purtroppo a minutaggio limitatissimo Cosentino che manca in termini di organizzazione di gioco. I primi punti sono a favore dei bordigotti, grazie a un due su due dalla lunetta di Capitan Iamundo. Ma rotto il ghiaccio, i levantini iniziano a ristabilire le adeguate distanze. L’area come di consuetudine diventa impenetrabile, creando grosse difficoltà a trovare conclusioni facili. Bettonagli e Yao confezionano un magro 1/14 in coppia e se la palla viene scaricata prima del sistematico raddoppio non viene tradotta in punti da chi la riceve: troppa insicurezza e poca personalità nel gestire momenti poco consoni a chi è abituato a gare dal risultato scontato. 4 i punti dal campo e ci si salva con 5 liberi che portano Canaletto a condurre per 16 a 9.

In attacco Canaletto può invece sfruttare in pieno i vantaggi fisici di diversi suoi atleti. Saranno diversi i canestri subiti da back door con un fallo aggiuntivo che punisce con un gioco da tre punti ed una situazione falli che si fa preoccupante per Pellegrino e Filocamo. Altra situazione a favore dei padroni di casa è il gioco spalle a canestro dei più dotati che sfruttano la mancanza di centimetri del diretto avversario. Nella seconda frazione si sblocca però Iamundo che con i suoi sette punti tiene a galla la squadra. A tre minuti dall’intervallo lungo però il capitano, sceso in campo con un risentimento muscolare al collo, si blocca nuovamente e per molti appaiono i titoli di coda. 31 a 19 il risultato alla sirena.

Nell’intervallo si valuta la condizione di Thomas e la squadra rientra sul campo con una convinzione non ancora mostrata fino a quel punto. Bettonagli si prende sulle spalle la squadra e in un solo quarto va in doppia cifra, immarcabile nelle sue scorribande dentro la fitta difesa avversaria. Cosentino stringe i denti per 5 preziosi minuti e mette ordine in fase offensiva. Filocamo registra 7 rimbalzi e segna 5 punti. 18 a 14 il parziale a favore della Ranabo.

Nell’ultima frazione, Thomas prova nuovamente ad agganciare gli avversari, raggiungendo il meno 4 ma a Canaletto non basta essere forte in virtù dell’essere la somma di più Team della città levantina; con scelte tattiche da squadra più matura, mantiene le adeguate distanze con un parziale di 12 a 11 e può festeggiare la fine delle ostilità sul 57 a 48.

“Non ho davvero grossi rammarichi nel lasciare la lontana città di La Spezia” commenta l’allenatore Gabriele Alessio “sono sicuro di aver fatto con il team il possibile… forse non l’impossibile. In allenamento ho dei meravigliosi ragazzi che si allenano da diversi anni assieme che vengono abbondantemente allenati sulle conclusioni in avvicinamento e nell’ultimo periodo si cerca di migliorare il tiro da fuori, fondamentale che in questa categoria giovanile spesso è deficitaria. Spiace vedere canestri già fatti, trasformarsi in ferri colpiti per “ansia da prestazione” e timore reverenziale. Sono tutti aspetti che potrò migliorare solo facendoli misurare con avversari più zavorrati. Canaletto resta al momento un tabù e un duro banco di prova non solo per la fisicità e la preparazione generale ma per le loro scelte tattiche che la categoria Under 13 generalmente non propone.”

PGS Canaletto – Ranabo 1946: 57-48 (16-9/31-19/45-37)
Filocamo 5,Pallanca 17, Pallanca, Bettonagli 16, Torrieri , Pellegrino 2, Cossu 2, Bruno 4, Cirillo , Mancuso 2, Galluccio, Cosentino. Allenatore: Gabriele Alessio Dirigente accompagnatore: Mauro Cosentino


Minibasket: Gli impegni dei piccoli cestisti della Ranabo 1946 nel fine settimana

Un weekend ricco di impegni quello appena trascorso in casa Ranabo 1946. Sabato mattina è il turno degli Aquilotti classe 2006/07 più due vispi 2008 chiamati a dare man forte che, tra le mura domestiche accoglie i vicini di casa del BC Ospedaletti. I piccoli bianco blu si comportano molto bene sul campo e si aggiudicano cinque tempi sui sei previsti dal Trofeo Aquilotti. Domenica è la volta delle Gazzelle bordigotte che dovento fare i conti con parecchie assenze, onorano il campo del Sea Basket Sanremo, contro i pari età Aquilotti. I giovanissimi matuziani si aggiudicano tutti e sei i tempi ma, nonostante tutto, le bimbe di Michela Rovere tornano a casa contente di aver imparato da una mattinata di Minibasket e divertimento.
A seguire è la volta del Team Esordienti che a causa delle diverse assenze dei nati 2005, schiera diversi atleti sotto età. Si rimedia una sconfitta per 14 a 58 da una compagine decisamente più pronta ed attrezzata fisicamente.
“Se contiamo anche il Team Aquilotti Junior, quest’oggi tenuto a riposo, siamo felici di poter far giocare ad ogni weekend un numero di Mini cestisti che sfiora la cinquantina per le quattro squadre del Centro Minibasket” commenta a caldo Gabriele Alessio, formatore della Regione Liguria “i nostri Aquilotti, pur giocando sempre per metà con atleti sotto età migliora di giorno in giorno. Un piacere inoltre vedere i bimbi del BC Ospedaletti guidati da quest’anno da Giovanni Amato, istruttore che per anni ha rivestito il ruolo molto importante di Responsabile nella nostra Provincia e che ha la capacità di coinvolgere e migliorare i suoi giovanissimi atleti. Siamo molto contenti anche delle nostre Gazzelle che aumentano come numero e sono sempre più coese attorno alla loro figura di riferimento, Michela Rovere, istruttrice della Ranabo 1946. Gli Esordienti 2005 continuano purtroppo la serie di sconfitte, serve maggior presenza agli allenamenti e desiderio di raggiungere un obiettivo comune”.