Oggi, mercoledì 18 gennaio alle 21 presso la sede di Bordighera del CAI, in Corso Europa 40, dopo un’introduzione di Sonia Zanella (ufficio Parchi – Provincia di Imperia) sugli sviluppi del progetto di candidatura a Patrimonio dell’Umanità delle “Alpi del Mediterraneo”, interverrà il Professore Michele Piazza, docente in Geologia dell’Università di Genova che illustrerà, con il supporto di slides a carattere didattico-divulgativo, i caratteri peculiari e la singolare storia geologica del territorio candidato a divenire patrimonio dell’umanità.
IL TERRITORIO COINVOLTO
All’atto del deposito della candidatura viene indicato un ambito territoriale provvisorio e la definizione del perimetro del sito è uno dei principali obiettivi del lavoro di predisposizione del Dossier di candidatura.
Il contesto geografico preliminarmente indicato è, lato Italia, quello relativo ai territori dei due Parchi piemontesi Alpi Marittime e Marguareis (con alcuni SIC a contorno), al territorio del Parco delle Alpi Liguri con i SIC e ZPS da esso gestiti, a due siti della Rete Natura 2000 di competenza della Provincia di Imperia (M. Grammondo e M. Abellio) e all’Area Protetta regionale Giardini Botanici Hanbury (e due SIC da essa gestiti, di cui uno marino).
Lato Francia si fa riferimento al territorio del Parc National du Mercantour.