Un arresto e due denunce è il bilancio della furibonda lite scoppiata nel cuore della notte a Imperia Porto Maurizio. Coinvolti due fratelli marocchini che nel corso della contrapposizione hanno creato un bel po’ di trambusto. A richiedere l’intervento dei militari gli abitanti della zona svegliati intorno alle 5 da urla e rumori insoliti. I militari intervenuti hanno avuto, sin da subito, compito arduo considerando che i due, alticci e tutti insanguinati per le reciproche ferite causate, non avevano proprio intenzione di interrompere l’azione.
Nel tentativo di separarli il più giovane dei due (classe ’94 e ’98) ha opposto resistenza verso gli agenti, causando in uno dei due agenti intervenuti una distorsione al polso. I due dopo essere stati separati e soccorsi inizialmente sul posto da personale del 118 e poi presso l’ospedale di Imperia, hanno riportato rispettivamente ferite lacero contuse al capo e alle mani con prognosi di 15 per M.S., frattura al naso e ferite al capo con prognosi di 20 giorni per M.A.
Rimangono ignote le origini della lite, probailmente iniziata nell’alloggio a loro in uso. Deve trattarsi di motivazioni veramente valide considerando che turro questo è costato a M.S. l’arresto per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, e per entrambi la denuncia per lesioni personali aggravate, porto di oggetti atti ad offendere e danneggiamento aggravato di alcune auto casualmente capitate tra la furia dei due contendenti, che nel tentativo di sopraffare l’altro si sono affrontati anche mediante il lancio di sassi raccolti da terra e finiti sui vetri delle auto in sosta.