Una donna di 48 anni con patologie psichiatriche gravi è rimasta chiusa in casa con il cadavere del padre, morto da un mese, in stato di decomposizione. La scoperta è stata fatta ieri sera a Genova Sampierdarena perché la donna, dopo essersi chiusa la porta alle spalle, è rimasta chiusa fuori e ha chiesto aiuto. Una volta entrati nella casa i pompieri hanno avvertito un forte odore e scoperto che la porta del bagno era stata “sigillata” con asciugamani. La 48enne è stata sottoposta a trattamento sanitario obbligatorio.