Il dipendente in malattia di una ditta di pulizie e il suo complice sono ritenuti responsabili di 4 rapine nel Ponente ligure.
I due sono stati traditi dall’auto di proprietà del dipendente usata per la fuga che, dopo le rapine, era parcheggiata sotto casa. Davide Frisina, 34enne dipendente in malattia di una ditta di pulizie e Christian Ferraro, 35 anni, avrebbero commesso le rapine spinti dalla necessità di trovare soldi per comprare cocaina.
In alcune intercettazioni i due hanno discusso l’organizzazione di altre rapine passando all’arma da fuoco. “So sparare” diceva uno all’altro che replicava: “Il bello è accoltellare uno che senti tutto il sangue e che lo apri di qua a qua”.
Le indagini sono state svolte dalla Polizia di Ventimiglia con la squadra mobile di Imperia.