Il Movimento Cinque Stelle Sanremo ha presentato interrogazione urgente al Sindaco Alberto Biancheri sul tema dei fondamentali controlli al Casinò di Sanremo da parte del Comune.

La delibera di Giunta n. 261 adottata il giorno 30 dicembre 2016 e diramata agli organi della Casinò Spa (del quale il Comune di Sanremo è socio unico) introduce in modo surrettizio modifiche sostanziali al “Regolamento del Corpo Speciale di controllo del Comune di Sanremo presso il casinò Municipale”: tale soluzione per quanto definita temporale e straordinaria parrebbe in contrasto con quanto stabilito dalla Legge, poiché è competenza esclusiva del Consiglio comunale l’indirizzo e il controllo delle società partecipate, escludendo altresì il ruolo fondamentale delle opposizioni e non seguendo le direttive imposte dal Consiglio Comunale relative al Regolamento modificato.

La Giunta ha deliberato di fatto delicate modifiche a un Regolamento in vigore senza riferire precisamente al Consiglio Comunale, e in tale sede confrontarsi.

Dalla delibera succitata andrebbero a sommarsi da parte della Direzione di Casinò Spa funzioni di pubblico controllo sin qui svolte da pubblici ufficiali e dipendenti del Comune di Sanremo, a garanzia di una sicurezza nello svolgersi di tutte le operazioni di apertura, chiusura tavoli e svolgimento di ogni attività connessa al gioco, situazione di garanzia effettiva nel quale sia possibile “controllare i controllori” .

Mancherebbe in questo modo l’efficacia del meccanismo di controllo del Comune su tutti i giochi svolti all’interno dello storico Casinò, con evidenti timori che ne conseguono da parte dei cittadini sanremesi considerata la portata economica del Casinò e i rischi ad esso connessi.

MoVimento 5 Stelle Sanremo

|Di seguito il testo dell’interrogazione|

Il Gruppo Consiliare del MoVimento 5 Stelle presenta la seguente interrogazione urgente a risposta scritta.

Premesso:

che il Ministero dell’Interno, con successivi decreti ministeriali, da ultimo con D.M. 21.5.1984, n. 4932/151.XXVII/C.2410, ha autorizzato il Comune di Sanremo, in deroga alle leggi vigenti, all’esercizio di giochi d’azzardo nel Casinò Municipale;

Che, su indicazione del Ministero degli Interni presso la Casa da Gioco del Comune di Sanremo è stato istituito nel 1946 il Corpo ispettivo dei controllori Comunali e che con deliberazione del Consiglio Comunale n. 231 del 12/12/1998, divenuta parzialmente esecutiva per decorrenza dei termini, come da ordinanza del Co.Re.Co. n. 5100/7119/I del 10/03/1989 di parziale annullamento e integrato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 86 del 29/03/1989,esecutiva è stato approvato il “Regolamento Corpo Speciale di controllo del Comune di Sanremo presso il casino Municipale”.

1

Rilevato:

• Che il Testo Unico Enti Locali, all’articolo 42 comma 2 afferma: “2. Il consiglio ha competenza limitatamente ai seguenti atti fondamentali: a) statuti dell’ente e delle aziende speciali, regolamenti salva l’ipotesi di cui all’articolo 48, comma 3, criteri generali in materia di ordinamento degli uffici e dei servizi; (omissis) g) indirizzi da osservare da parte delle aziende pubbliche e degli enti dipendenti, sovvenzionati o sottoposti a vigilanza;” e che all’articolo 48. Comma 3, recita: “3. È, altresì, di competenza della Giunta l’adozione dei regolamenti sull’ordinamento degli uffici e dei servizi, nel rispetto dei criteri generali stabiliti dal consiglio.”

Considerato:

 

Che gli articoli 1 e 2 del succitato “Regolamento Corpo Speciale di controllo del Comune di Sanremo presso il casinò Municipale” dispongono: “art. 1 Il Comune di Sanremo, titolare della concessione per l’esercizio del gioco d’azzardo, istituisce un Corpo Speciale di Controllo sulla gestione del Casinò Municipale allo scopo di esercitare in ogni momento il controllo sull’andamento dell’esercizio del gioco e sulla conduzione della Gestione del Casinò Municipale sia sotto il profilo tecnico-funzionale, sia finanziario e morale.

art. 2 L’attività di controllo e di prevenzione é diretta in misura prevalente al regolare andamento dell’esercizio del gioco d’azzardo e finalizzata alla tutela degli interessi del Comune di Sanremo, alla salvaguardia del buon nome dell’Azienda ed alla tutela della fiducia che i frequentatori ripongono nella regolarità dello svolgimento e degli esiti del gioco; essa si esplica qualunque sia la forma di gestione adottata. Il Corpo Speciale di controllo, costituito cosi come previsto al precedente articolo è l’organo preposto ed incaricato dello svolgimento delle attività dell’espletamento dei compiti e del soddisfacimento dei fini indicati, ed è, pertanto, responsabile nei confronti del Comune di Sanremo della puntuale applicazione dei disposti del presente regolamento, nonché delle eventuali norme e disposizioni emanate dall’amministrazione comunale a completamento od interazione del regolamento stesso per la materia che n’è l’oggetto; assolve alla responsabilità che da quanto sopra gli deriva per mezzo delle attribuzioni conferitegli agendo secondo le norme e nelle forme che il Regolamento prescrive.”

Che l’articolo 11 del “Regolamento Corpo Speciale di controllo del Comune di Sanremo presso il casino Municipale” dispone che: “non può essere aperto o

2

chiuso nessun tavolo da gioco, ed in particolare, non si può procedere alla stesura, al conteggio ed all’accantonamento delle dotazioni se non alla presenza di un Ispettore ed un primo controllore (ecc..)”

Che la delibera n. 261 di Giunta Comunale adottata il 30 Dicembre 2016 dispone contrariamente che “….per quanto concerne la chiusura del tavolo, ove necessario, il controllore comunale presente in sala contabilizzerà una parte dei tavoli personalmente, mentre per i restanti tavoli provvederà ad acquisire il bordereaux dal capo tavolo, procedendo il giorno seguente al controllo delle operazioni di chiusura tramite la visione delle registrazioni audiovisive;…” e “….le chiavi slot necessarie per la semplice manutenzione dell’apparecchiatura (apertura della porta per la risoluzione di piccoli tilt o del cambio carta per la stampa dei tickets, con le stesse non è possibile né alterare il software della macchina né accedere alla valuta introitata) verranno consegnate ai tecnici delle slot, dipendenti del Casinò, i quali ne saranno responsabili, posto che le stesse non danno comunque la possibilità di intervenire sul macchinario, mentre le chiavi delle schede madri e degli stacker continueranno ad essere detenute dai Controllori.”

Che il Piano Anticorruzione per il triennio 2016-2018 approvato dalla Casino’ Spa afferma, tra l’altro: “L’attività di controllo è esercitata attraverso un forte apparato di personale interno ed esterno. (omissis) Tra i dipendenti ai quali sono affidate esclusivamente funzioni di controllo si ricordano:

– gli operatori addetti all’identificazione dei clienti ed alla cessione delle tessere di ingresso alle sale da gioco;

– gli addetti al riconoscimento dei clienti all’ingresso delle sale; – i “capi tavolo”;

– i responsabili e gli addetti dei servizi di controllo interno (c.d. controllori amministrativi);

– gli addetti alla videosorveglianza.

Tra i dipendenti ai quali sono affidate parzialmente funzioni di controllo si ricordano:

– i funzionari della direzione dei giochi (direttore giochi, assistenti di direzione); – gli ispettori dei giochi e i commissari;
– i sotto capi tavolo.

 

3

Tali funzioni di controllo, esercitate in concomitanza con la parallela attività del corpo ispettivo del Comune di Sanremo, sono puntualmente disciplinate da regolamenti interni. (omissis) …..Se la struttura delle funzioni di controllo affidate a buona parte del personale addetto ai giochi ha forma verticale, i Corpi di Controllo interno integrano, con il servizio ispettivo facente capo al Comune di Sanremo, una struttura orizzontale di controllo e vigilanza sulla correttezza e regolarità sia dell’esercizio dei giochi che del funzionamento dei servizi ad essi connessi (cassa, cambio assegni, cambio gettoni slot).”

Che gli altri casino’ italiani (Saint Vincent, Campione e Venezia) hanno un numero di controllori comunali (nell’ordine di circa n. 40 unità), effettivamente superiore a quello di Sanremo, dove l’organico attuale è di 6 controllori comunali poiché a seguito dei pensionamenti l’organico non è mai stato integrato (nel 2000 contava ben 27 unità);

Considerato che la situazione organizzativa venutasi a creare per il Corpo Speciale di Controllo presso la Casa da Gioco a causa della carenza di organico non è premessa valida a giustificare in alcun modo la decisione di smantellare un siffatto controllo.

Che è chiaro ed evidente che sia fondamentale mantenere altissimo il livello di guardia in un settore di per sé ad alto rischio di infiltrazione malavitosa come quello del gioco d’azzardo, e che gli introiti del Casino’ Municipale di Sanremo sono, seppur in flessione dovuti al moltiplicarsi di situazioni di “gioco legale” a seguito delle opinabili decisioni assunte dai governi degli ultimi vent’anni, ancora molto alte rendendo Sanremo il fulcro del giuoco in tutta la Liguria e regioni limitrofe sino al confine francese.

Che la delibera di Giunta n. 261 adottata il giorno 30 dicembre 2016 e diramata agli organi della Casinò Spa (del quale il Comune di Sanremo è socio unico) introduce in modo surrettizio modifiche sostanziali al “Regolamento del Corpo Speciale di controllo del Comune di Sanremo presso il casino Municipale”: tale soluzione per quanto definita temporale e straordinaria non sembra essere in linea con quanto stabilito dal Testo Unico Enti Locali, art. 48 comma 3 e art. 42 comma 2, escludendo altresì il ruolo fondamentale delle opposizioni e non seguendo le direttive imposte dal Consiglio Comunale relative al Regolamento modificato. Trattasi in definitiva di modifica surrettizia in peius del fondamentale ruolo di Controllo da parte dell’Amministrazione Comunale sull’attività svolta nella sala da giuoco sanremese.

Che nello specifico la succitata delibera benché individui la necessità di avere 12 controllori comunali e pur citando le innegabili misure volte a garantire la

 

4

 

regolarità del gioco attuato nel Casino citando il piano Anticorruzione per il triennio 2016-2018 di fatto alleggerisce il controllo sullo svolgimento dei Giochi.

Che proseguendo nel sentiero tracciato dalla delibera succitata andrebbero a sommarsi da parte della Direzione di Casinò Spa funzioni di pubblico controllo sin qui svolte da pubblici ufficiali e dipendenti del Comune di Sanremo, a garanzia di una sicurezza nello svolgersi di tutte le operazioni di apertura, chiusura tavoli e svolgimento di ogni attività connessa al gioco, situazione di garanzia effettiva nel quale sia possibile “controllare i controllori”

Interroga il Sindaco per sapere:

 

Se non ritiene, che siano stati violati precisi obblighi di trasparenza e di buon andamento, avendo la Giunta deliberato di fatto delicate modifiche a un Regolamento in vigore senza riferire precisamente al Consiglio Comunale, e in tale sede confrontarsi.

Se condivide l’opinione dell’interrogante sul fatto che possa essere stato messo in atto una violazione dell’articolo 42 punto g del TUEL, poiché è competenza esclusiva del Consiglio comunale l’indirizzo e il controllo delle società partecipate: benché sia di fatto modificato un regolamento degli uffici e servizi infatti il Regolamento in questione tratta appunto del “controllo” sull’attività del Casinò Municipale e ricade quindi nella competenza del Consiglio.

Se ritiene ancora garantita la perfetta trasparenza dei controlli e ritiene sicuramente escluse interferenze nel meccanismo di controlli sullo svolgimento del gioco all’interno della Casa da Gioco sanremese.

Se ritiene che siano rispettati gli obblighi morali di controllo sul Casinò, derivanti dalla consapevolezza di gestire il gioco d’azzardo permessa soltanto in forze di particolari concessioni che fanno fronte alla singolare posizione occupata dalla città di Sanremo, quasi un unicum su tutto il territorio nazionale.

Se ritiene rispettato il Piano Anticorruzione per il triennio 2016-2018 adottato dalla Casinò Spa in riferimento al quadro generale e nello specifico ai passaggi riportati nelle premesse, nelle quali viene citato espressamente sia controllo interno sia esterno e viene sottolineata l’importanza del ruolo dei controllori Comunali.

5

Se non ritiene che l’esperienza degli altri Casinò italiani, che dispongono di un corpo di Controllo Comunale più numeroso, sia da ritenere modalità preferibile per tutelare clienti e cittadini dalla possibilità di infrazioni di qualsiasi specie durante il delicato svolgersi del gioco d’azzardo, anziché prospettare un pericoloso passaggio ad una gestione “mista” in cui Controllato e Controllore siano di fatto un soggetto unico.

Quale sia il contenuto della richiesta e delle eventuali risposte pervenute dal Ministero degli Interni per il tramite dell’ufficio Territoriale del Governo di Imperia relativamente alla gestione dei controlli interni al Casinò di Sanremo, alla data della risposta.

Cordiali saluti.
MoVimento 5 Stelle Sanremo