In questi giorni abbiamo assistito e letto di tutto su via Cascione e sui lavori che la stanno interessando. Abbiamo visto cose a Imperia che gli umani non possono nemmeno immaginare: denunce, ricorsi, esposti, chiusure di parcheggi con tempistiche quantomeno dubbie, abbiamo letto di improvvisati sedicenti esperti di architettura contestare l’utilità di un’opera di pedonalizzazione mentre il mondo va da tutt’altra parte (perché Imperia “è diversa”). Abbiamo assistito a perquisizioni, indagini, giudizi, pronunciamenti…
Nel condividere il senso dell’intervento politico di Guido Abbo non possiamo non sottolineare come l’assessore abbia denunciato e riassunto in poche righe un sistema:

quello utilizzato a Imperia fino a pochi anni fa.

A vedere gli odierni sviluppi della vicenda pedonalizzazione, e il l prodigioso dispiegamento di forze scatenatosi per bloccare il tentativo del Comune di ridare vita e dignità a una via che da almeno trent’anni tutti dicono a parole di voler riqualificare, ci pare anche il caso di evidenziare il coraggio dimostrato dall’Assessore Abbo.

Via Cascione è oggi terra di frontiera, linea di confine. E’ la via su cui si stanno scontrando due modi differenti di vedere la città e di concepirne il futuro.
Da una parte un’ idea che vede Imperia come una città dove si dimenticano i bisogni della collettività a favore degli interessi di pochi, un agire questo che ha lasciato eredità pesanti e difficilmente gestibili; dall’altra c’è l’idea che l’amministrazione cerca di interpretare e di sviluppare, l’idea di tanti cittadini che l’hanno votata. Un’amministrazione forse spesso disorganizzata, probabilmente ingenua a volte anche litigiosa ma che nelle mille difficoltà ha per Imperia un progetto globale che la porti lontana da una visione arretrata e immobilista verso un modello europeo in fatto di mobilità, vivibilità e socialità.
Lungo la frontiera di Via Cascione probabilmente l’amministrazione ha toccato qualche interesse “superiore”. Ci pare infatti incredibile che alcuni commercianti non comprendano che la pedonalizzazione, a fronte di un sicuro disagio durante i lavori, porterà loro dei vantaggi duraturi. E’ più probabile immaginare invece che alcuni, toccati in qualche personale interesse, abbiano scatenato reazioni scomposte.
Su questo tema Imperia di Tutti Imperia per Tutti sarà a fianco dell’ assessore Guido Abbo e di questa amministrazione se possibile ancora con maggior vigore e maggior impegno”.
Movimento Politico Imperia di Tutti Imperia per Tutti